Fuori Salone, graffiti puliti per il ‘Think IT Green’ (Foto)

Lungo Via Borsieri, a Milano, nella popolare Zona Isola, si possono ammirare dieci ‘graffiti puliti’ che annunciano la nascita di chorusdesigngroup.com, il primo sito web italiano che risponde alle regole di sostenibilità online elaborate da Creuza Comunicazione nel decalogo ‘Think IT Green . Definiti anche ‘reverse graffiti’,  o ‘graffiti al contrario’, in quanto realizzati senza vernici, spray o inchiostri che comportino il rilascio di sostanze inquinanti ma solo con acqua piovana, i messaggi sono stati ‘scritti’ tramite l’uso di un template dal team di GreenGraffiti® Italia ‘lavando’ via lo sporco depositato dallo smog sui marciapiedi.

Tre soggetti diversi della creatività ecocompatibile si sono così dati appuntamento al Fuori Salone, per una delle prime performance italiane di comunicazione pulita. Il loro obiettivo? Comunicare il rispetto dell’ambiente e dello spazio urbano.

L’evento è nato dalla collaborazione tra e Creuza Comunicazione, grazie alla partecipazione di GreenGraffiti® Italia

L’idea della performance scaturisce da un’innovativa concezione del fare comunicazione in cui la sostenibilità del messaggio deve corrispondere alla sostenibilità del mezzo che lo veicola. Un approccio in cui si riconosce pienamente Chorus Design Group: “La sostenibilità, infatti, non è solo rispetto della natura, ma soprattutto un diverso atteggiamento mentale,” spiega il gruppo composto da Francesca Mistrangelo, Gianni Verna, Michela Ricciotti, Melina Novello e Roberto Monte – Il design sostenibile, in particolare, “è un modus operandi nel progetto che esprima, al di là dei fattori estetici e tecnici green, un atteggiamento etico, quindi eco-sociale, nel quale l’Uomo in quanto parte integrante della Natura ritorna ad essere la priorità del progetto. Solo in questo modo l’idea di Sostenibilità può realmente affermarsi.

Ecco che il progetto di realizzare una performance cittadina per lanciare un messaggio sostenibile tramite il nostro nuovo sito si allinea alla metodologia di lavoro che fa dell’attitudine performativa negli spazi esterni della città lo strumento di ricerca di nuove relazioni spaziali per una nuova ecologia urbana.”

La tecnica dei graffiti puliti rispecchia fedelmente questa visione. Diffuso anche con i nomi ‘clean tagging’, ‘dust tagging’, ‘grime writing’ in paesi come Stati Uniti e in Europa, Inghilterra, Olanda e Germania, i ‘reverse graffiti’, pratica quasi sconosciuta nel nostro paese, sbarca nel Belpaese grazie a GreenGraffiti® Italia, società nata nel 2008 per iniziativa di un gruppo di ragazzi riminesi.

“GreenGraffiti® Italia è orgogliosa di prendere parte a questa iniziativa – commenta il team di GG – La volontà di Chorus Design Group di promuovere il lancio del nuovo sito internet a basso impatto ambientale, utilizzando uno strumento di comunicazione innovativo ed ecosostenibile come green graffiti, riteniamo sia perfettamente in linea con la nostra filosofia.

La cornice del Fuori Salone, poi, che negli ultimi anni ha dato sempre più spazio ad eventi ed idee sostenibili, è sicuramente il contesto ideale per dare vita a questa sinergia: la performance che abbiamo studiato, insieme a Chorus Design Group e a Creuza Comunicazione, prevede la realizzazione di una serie di messaggi in via Borsieri, dove, attraverso la tecnica dei green graffiti, andremo a ‘pulire’ i marciapiedi. La tecnica sfrutta il contrasto sporco-pulito delle pavimentazioni delle nostre città: con l’aiuto di un ‘template’ correttamente intagliato e di acqua ad alta pressione, il messaggio viene realizzato creando pulito sullo sporco delle strade, dei marciapiedi e dei muri.

Il risultato – sottolinea GG – è un messaggio ad alto impatto visivo con l’utilizzo di pochissime risorse. Per ognuno dei messaggi che saranno realizzati durante la performance, verranno utilizzati circa 10 litri d’acqua piovana, senza l’aggiunta di additivi chimici o altri componenti. Studi condotti dall’Unesco dimostrano che per un cartellone pubblicitario tradizionale di 120×120 cm, la filiera produttiva implica l’utilizzo di 240 litri d’acqua: la differenza in termini di impronta idrica con un green-graffito è dunque evidente”. Non basta: GG è una delle prime società in Europa ad aderire a politiche di compensazione idrica attraverso il programma ‘Green Ads Blue’, che consente di restituire il volume di acqua utilizzato in Italia portandola nelle aree del pianeta dove scarseggia.

“Con il trionfo dell’ecomarketing siamo circondati e sommersi da annunci che rivendicano qualità ‘green’, presunte o reali, puntualmente smentite dall’enorme impatto ambientale generato dai mezzi utilizzati per comunicarle. In un mondo sempre più dominato dalla comunicazione, a cui è affidato il compito di veicolare le nuove istanze ‘green’, è cruciale tentare di risolvere questa contraddizione”, sottolinea Creuza, una delle prime agenzie ad adottare pratiche sostenibili nelle varie fasi dei processi della comunicazione. “Per questo – aggiunge – non solo Creuza ha realizzato un sito sostenibile ma lo sta anche pubblicizzando in modo sostenibile”.

Per Creuza si rivela dunque strategica la sinergia con GG per annunciare la nascita del nuovo sito realizzato per ChorusDesignGroup secondo principi di green web design che caratterizzano la filosofia ‘Think IT Green’. I siti web hanno infatti un’impronta ecologica spesso invisibile agli utenti. Di recente alcuni studi sull’argomento hanno stimato nell’1,4% delle emissioni globali l’impatto sul clima del settore IT (Information Technology). Si tratta di circa 630 milioni di tonnellate di CO2, più dei gas serra prodotti ogni anno da una grande economia industriale come l’Italia. Le componenti principali di questo impatto sono i server di internet e i suoi utenti. Grazie alle pratiche sostenibili riassunte nel decalogo Think IT Green’, messo a punto da Creuza Comunicazione, è possibile rendere visibile questo impatto riducendo il consumo di risorse e di energia, e di conseguenza le emissioni di CO2 legate a un sito web, sensibilizzando al tempo stesso gli utenti ad un uso di internet più responsabile.